La televisione svizzera per l’Italia

“Almeno 5’000 franchi al mese per le lavoratrici”

scritta 5000 davanti a palazzo federale
In occasione della giornata dello sciopero delle donne, i sindacati chiedono la parità salariale. Keystone / Anthony Anex

Un salario minimo di 5'000 franchi al mese per le donne: è la rivendicazione del sindacato UNIA in occasione dell'odierna giornata dello sciopero delle donne.

In occasione dello sciopero delle donne, in tutta la Svizzera le protagoniste di questa giornata sono scese in piazza: in diverse città le associazioni femministe hanno chiamato a manifestare per affermare i propri diritti. La principale manifestazione nazionale avrà luogo a Berna, con un corteo che inizierà alle 18 e azioni sulla Piazza federale.

Tra le richieste avanzate spicca quella del sindacato UNIA che chiede un salario minimo di 5’000 franchi per le lavoratrici. A queste viene fatto intendere che il loro lavoro vale meno rispetto a quello degli uomini e ciò le fa giustamente “arrabbiare”, ha dichiarato la presidente di UNIA Vania Alleva a Berna, prima di aggiungere che è incredibile che le donne in Svizzera guadagnino in media ancora 1’500 franchi in meno al mese rispetto agli uomini.

Altri sviluppi
gruppo di persone davanti a una fabbrica

Altri sviluppi

Biella, la terra della parità salariale

Questo contenuto è stato pubblicato al Un piccolo palco fuori dal tempo, una vecchia pista da ballo piena di tavoli e sedie e alcuni avventori che si riparano da una pioggerellina stanca sotto gazebo e ombrelloni improvvisati. Bar e ristoranti hanno riaperto da pochi giorni in Italia dopo un lungo periodo di inattività, ma possono ospitare i loro clienti soltanto all’aperto.…

Di più Biella, la terra della parità salariale

Le disparità salariali tra i sessi sono persistenti, denuncia il sindacato in un comunicatoCollegamento esterno, e il 44% delle donne che hanno completato un apprendistato guadagna meno di 5’000 franchi.

I compensi nelle professioni prevalentemente femminili sono sistematicamente troppo bassi. Di conseguenza, le donne vivono con preoccupazioni finanziarie, dipendono da altri e trascorrono l’età pensionabile in povertà perché le loro rendite sono troppo basse. Secondo il sindacato, le prospettive non migliorano con la riforma del regime della previdenza per la vecchiaia.

“Manifestiamo per la parità di salario, di trattamento e di diritti per tutti, e contro gli attacchi alle donne e alle minoranze di genere sul lavoro, nella vita privata, in politica e persino nella cultura”, ha sostenuto dal canto suo il sindacato Syna in una notaCollegamento esterno.

Una politica di uguaglianza

Alliance F, la più grande organizzazione femminile svizzera, chiede una politica di uguaglianza più convincente: una migliore protezione contro la violenza nei confronti di donne e ragazze, parità di retribuzione a parità di lavoro e migliori condizioni quadro per conciliare lavoro e vita familiare. L’associazione ricorda inoltre che ogni due settimane nella Confederazione una donna viene uccisa dal marito, dall’ex marito, dal partner, dal figlio, dal fratello o dal padre.

Altri sviluppi
Quattro donne con abiti colorati e ombrelli parasole riprese di schiena mentre camminano in una piazza

Altri sviluppi

Parità di genere: la Svizzera può imparare dal Ruanda?

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Paese africano è il sesto al mondo nell’affrontare la disparità di genere; la Svizzera ventesima. Su quali punti si può migliorare?

Di più Parità di genere: la Svizzera può imparare dal Ruanda?

L’anno scorso, lo sciopero delle donne ha riunito quasi 300’000 persone nelle strade del Paese, secondo l’Unione sindacale svizzera (USS). La data del 14 giugno è stata scelta perché segna l’anniversario del voto del 1981 che ha sancito il principio di uguaglianza nella Costituzione.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR