Navigation

Sfarzo indiano a St. Moritz

Una festa a dir poco sfarzosa è iniziata venerdì sera a St. Moritz. Si tratta dell'addio al celibato del figlio dell'uomo più ricco dell'India, con un patrimonio personale di 45 miliardi di dollari.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2019 - 08:53
tvavizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 26.02.2019)
Contenuto esterno


Lunedì sera anche gli abitanti della località grigionese e i turisti hanno partecipato alla festa iniziata venerdì e proseguita per diversi giorni. 850 invitati, tutti gli hotel a 5 stelle di St.Moritz occupati, un luna park, ... 

Cifre ufficiali su quanto sia costato l'addio al celibato di Akash Ambani, figlio del multimiliardario indiano Mukesh Ambani, non se ne hanno, ma si stima una cifra attorno ai 100 milioni di franchi.

Il luna park privato allestito per l'occasione. © Keystone / Gian Ehrenzeller

"I festeggiamenti durano per più giorni e quindi si hanno bisogno più location in uno spazio ristretto, cosicché gli invitati possono camminare o andare in macchina o carrozza. Quindi le sfide sono avere gli hotel liberi e muovere così tante persone contemporaneamente", spiega alla Radiotelevisione svizzera Shilpa Sukumar, che da cinque anni organizza in Svizzera matrimoni ed altri eventi per la clientela indiana.

Un evento di questa portata fa storcere il naso a molti, ma non agli operatori turistici della località. Secondo Roberto Rivola, portavoce Engadin St. Moritz turismo, almeno 500-600 persone, dai cuochi agli operai, hanno lavorato per il successo del party. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.