Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

"Siberia" anche politica La Brévine, comune che nessuno vuol governare

(1)

Servizio del TG sulla difficoltà a trovare aspiranti municipali a La Brévine.

È sempre più difficile, in Svizzera, trovare candidati per gli esecutivi comunali. Tra questi il municipio de La Brévine, che oltre a essere letteralmente il luogo più freddo del Paese fa fatica a scaldare gli animi politici dei suoi abitanti. I municipali, da cinque che dovrebbero essere, si ridurranno a tre a fine agosto e addirittura due a fine anno.

La Brévine, nel canton Neuchâtel, è un comuneLink esterno conosciuto in tutto il Paese poiché vi si registrano le temperature più basse. È detto Siberia della Svizzera.

La sindaca Claudine Paris, che sta per lasciare l’incarico dopo 11 anni, è preoccupata: a dicembre rimarranno soltanto due municipali [l'equivalente degli assessori in Italia, ndr] e nessun pretendente, per un esecutivo che dovrebbe contarne cinque.

“Abbiamo la casa comunale da riattare, c’è la stazione di depurazione, abbiamo appena realizzato il teleriscaldamento per tutti gli abitanti, ci sono 20 chilometri di strade comunali, le scuole, insomma: un sacco di dossier che due sole persone non possono gestire”.

Meglio in Consiglio comunale

È più facile reclutare persone per il legislativo. Ma chi vi siede, raramente ambisce al salto di qualità.

“Qualche giovane in Consiglio comunale lo abbiamo”, spiega la sindaca, “ma poi entrare in Municipio per loro è più difficile perché hai un vero potere decisionale, decidi cose che magari non piacciono ai tuoi amici, entri in conflitto con la gente”.

(2)

I comuni de La Brévine, Le Cerneux-Péquignot e La Chaux-du-Milieu indicata su una cartina di Swisstopo.

I 642 abitanti della Brévine sono in buona compagnia. Le Cerneux-Péquignot, a due passi, conta pure due municipali su cinque e l’esecutivo di La Chaux-du-Milieu è ridotto a quattro.

Un modello in crisi?

Più in generale, la politica svizzera -basata su un modello di milizia, dove raramente i politici lo sono di professione e quasi mai a tempo pieno- fatica sempre più a reclutare nuove leve.

La speranza è che, almeno in questi giorni di corsa aperta nel Partito liberale-radicale (PLR) per la successione di Didier Burkhalter in Consiglio federale, qualche giovane sia ispirato a intraprendere una carriera politica. Partendo dagli enti locali.

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 24.08.2017)

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×