Navigation

'Ndrangheta in Svizzera, due arresti

Immagine d'archivio. © Keystone / Olivier Maire

L'operazione "Imponimento" della procura antimafia di Catanzaro, scattata nel luglio 2020, ha portato martedì a due nuovi arresti sul territorio elvetico, di cui uno in Ticino.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2021 - 12:59
tvsvizzera.it/fra

Si tratta di un uomo residente a Grancia, di cui era già noto il coinvolgimento nell'inchiesta. Il sessantenne, fanno sapere venerdì le autorità italiane, è indagato per associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori, ed è ritenuto un referente della cosca Anello-Fruci.

L'altra persona arrestata vive a Spreitenbach (Canton Argovia) ed è indagata per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. I due erano destinatari di una misura cautelare che, però, le autorità italiane non avevano potuto finalizzare per via della residenza in Svizzera. La collaborazione con la polizia federale ha permesso ora di far scattare gli arresti e avviare le procedure per l'estradizione.

Nella maxi operazione "Imponimento", che ha riguardato anche le ramificazioni della criminalità organizzata calabrese in Svizzera, è stato chiesto il rinvio a giudizio per 147 persone. Per i due indagati residenti nella Confederazione la posizione era stata stralciata.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.