Navigation

Virus Zika, colpita anche la Colombia

Nel paese finora non si sono verificati casi di bambini nati con micro-cefalia, ma il contagio si propaga rapidamente e, a preoccuparsi, sono soprattutto le future madri.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2016 - 14:32

Anche la Colombia ha alzato la guardia contro i pericoli di una sua diffusione. Oltre duemila le donne incinte contagiate dal virus. Anche se, sottollineano le autorità sanitarie, nessun bambino finora è nato con le malformazioni alla testa.

In Europa, a parte casi isolati, 4 anche in Svizzera, di persone che hanno manifestato il virus (tutte provenienti dal Sud America) Zika non ha fatto la sua comparsa. Qualcuno però ricorda che la zanzara tigre (imparentata con la Aedes Aegypti) ha da tempo preso piede anche a Sud delle Alpi. Un insetto che potenzialmente, finora il pericolo è solo teorico, potrebbe diventare un veicolo di contagio anche per il virus Zika.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.