Navigation

Turchia, 1° maggio di scontri e attentati

Due attacchi terroristici nel sud hanno fatto 4 morti e 37 feriti; a Istanbul la polizia ha represso con la forza una protesta di lavoratori

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 maggio 2016 - 15:21

In Turchia, le manifestazioni del primo maggio hanno già portato a scontri: a Istanbul la polizia ha vietato una protesta attaccando i manifestanti con idranti e lacrimogeni. Negli scontri un uomo ha perso la vita nel tentativo di raggiungere piazza Taksim.

Ma la giornata è iniziata anche con due attacchi terroristici. Uno nel sud est del paese a maggioranza curda: qui si parla di tre soldati morti e 14 feriti. Secondo l'esercito turco sarebbero responsabili i separatisti del PKK che hanno lanciato dei razzi contro un'unità di sminatori.

A Gaziantep invece, sempre nel sud della Turchia, è stata fatta esplodere un'autobomba davanti alla sede centrale della polizia: un agente è morto, altre 23 persone, fra cui 19 poliziotti, sono rimasti feriti.

In questo caso non è ancora stata determinata la responsabilità dell'attentato. Si segue la pista dell'Isis anche perché Gaziantep è nota come crocevia di combattenti dello Stato islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.