Navigation

Timbuctu, una prima che fa storia

La Corte penale internazionale dell’ Aja chiama a rispondere di atti criminali di guerra coloro che hanno distrutto mausolei nell'antica città del Mali, patrimonio Unesco

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2016 - 16:19

Responsabile di avere distrutto dei mausolei durante l'occupazione di Timbuctu da parte di Al Quaida, nel luglio del 2012, un jihadista - per la prima volta nella storia - è chiamato a risponderne davanti ad una corte penale internazionale, quella dell' Aja, che considera tali atti dei crimini di guerra.

Ahmad Al Faqi Al Mahdi si è dichiarato colpevole, in cambio della promessa dell'accusa di chiedere una pena mite. Ma non tutti sono d'accordo con un processo che si concentra solo sui monumenti.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?