Navigation

Siria: appello della famiglia Dall'Oglio

I famigliari del religioso rapito un anno fa rivolgono un videomessaggio ai sequestratori

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2014 - 14:37

La famiglia del padre gesuita Paolo Dall'Oglio, rapito in Siria, ha rivolto un appello video ai suoi rapitori perchè facciano sapere la sua sorte, a un anno dalla scomparsa, avvenuta il 29 luglio. "Vorremmo riabbracciarlo, ma siamo anche pronti a piangerlo", affermano i congiunti nell'appello.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.