Navigation

San Bernardino, rimane aperta la pista del terrorismo

Stando all'FBI, uno dei due killer aveva contatti con soggetti legati al terrorismo internazionale

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2015 - 13:22

Stando alle ultime dichiarazioni da parte dell'FBI, Syed Farook uno dei due killer protagonisti della strage di San Bernardino (California) aveva contatti con soggetti vicino al mondo del terrorismo: Farook conosceva ed era in contatto con persone già note all'FBI, estremisti islamici che avrebbe incontrato sia negli Stati Uniti che in Pakistan, suo paese d'origine.

In casa sua e della moglie sono stati trovati ordigni di ogni genere, migliaia di proiettili e materiale esplosivo. In queste ultime ore, gli inquirenti sembrerebbero propendere dunque per l'ipotesi di un atto di terrorismo internazionale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.