Navigation

Russia, falsa speranza per i profughi siriani

La maggior parte non ottiene lo statuto di rifugiato, poiché Mosca non riconosce come guerra quella in corso nel loro Paese [REPORTAGE]

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2015 - 16:46

Le mete predilette dei profughi restano l'Europa occidentale e la Scandinavia, ma parte dei siriani cerca di riparare in Russia. Con poca fortuna, a dire il vero: visto che Mosca non riconosce come guerra quella in corso nel loro Paese, la maggior parte di essi non ottiene lo statuto di rifugiato.

Convinti di poter contare su un paese amico, i profughi siriani rimangono invece ostaggio di costose barriere burocratiche e della criminalità che guadagna sulla manodopera in nero.

Legalizzare la propria condizione significa spendere ogni risparmio e molti, come vedremo nel reportage, finiscono per vivere in clandestinità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.