Navigation

Riforme costituzionali, come cambia la politica italiana

Matteo Renzi punta da sempre l'accento sulla necessità di modernizzare la costituzione italiana cambiando alcuni degli articoli più significativi

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2015 - 13:34

Dopo l'approvazione del senato, il ddl riforme costituzionali attende ora il via libera da parte della camera dei deputati. La commissione Affari costituzionali della Camera lo ha già approvato con la riforma del bicameralismo (riforma del senato, non più eletto direttamente dai cittadini e composto da 100 senatori e non più 315) e del titolo V della Costituzione (che regola i rapporti tra stato e enti locali). Dopo la nomina del presidente della Repubblica e con il patto del Nazareno tutto da verificare, il ddl potrebbe incontrare ulteriori difficoltà. Ma in cosa consiste il pacchetto delle riforme costituzionali e soprattutto perché secondo il governo costituisce la base su cui far ripartire il paese?

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.