Navigation

Recupero (importante) di beni archeologici

Indagine coordinata tra forze dell'ordine italiane e svizzere, l'Operazione Teseo ha permesso di recuperare beni archeologici per circa 50 milioni di euro

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2015 - 18:04

Frutto di un'indagine coordinata tra le Polizie di Ginevra e Basilea e i Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale italiano, sono stati presentati mercoledì mattina a Roma, nelle sale delle Terme di Diocleziano del Museo Nazionale Romano, i risultati dell'operazione Teseo. Il Generale Comandante del TPC dei Carabinieri Mariano Mossa ci ha fornito i dati dell'operazione: "E' stata la più importante operazione di recupero di beni archeologici della storia, sia per quantità che per qualità. Il valore stimato è tra i 40 e i 50 milioni di euro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.