Navigation

Parigi sotto attacco, oltre 100 morti

Fuori dal ristorante keystone

Almeno 6/7 attacchi simultanei - Esplosioni allo Stade de France- Presa di ostaggi e carneficina ad un concerto rock

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2015 - 01:31

Una serie di sparatorie, la prima in un ristorante del decimo arrondissement, si è verificata quasi in contemporanea venerdì sera a Parigi. Secondo fonti di polizia, il numero dei morti , come sempre avviene in queste occasioni, va aumentando col passare del tempo. Il numero più alto sarebbe al Bataclan, una sala per spettacoli dove c'è stata una presa di ostaggi. Le persone intrappolate, che assistevano a un concerto di musica metal, erano un centinaio e molte sarebbero state uccise. Poi fino il blitz delle teste di cuoio che hanno eliminato i terroristi. La polizia parla di "carneficina". Al momento si parla di 100 morti in tutto ma il bilancio potrebbe purtroppo ancora salire tragicamente.

Almeno due esplosioni sono inoltre state udite anche nei pressi dello Stade de France, dove era in corso la partita amichevole di calcio fra Francia a Germania, che non è stata interrotta.

Il presidente François Hollande, che era in tribuna, è stato portato via. Si è recato al Ministero degli interni per fare il punto della situazione con il ministro Bernard Cazeneuve.

Al termine dell'incontro, gli spettatori sono stati invitati a lasciare lo stadio da tre ingressi precisi, ma in migliaia hanno preferito trovare rifugio sul campo.

Numerosissime, già durante i tragici fatti le testimonianze di solidarietà dai governi mondiali alla nazione francese.

Gli attentati sono stati rivendicati da ISIS su internet.

pon/AFP/Reuters/ANSA

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.