Navigation

Operazioni anti-terrorismo in Belgio, i social rispondo a suon di gattini

tvsvizzera

Le autorità chiedono agli utenti di non divulgare informazioni e la rete risponde in modo molto particolare

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 novembre 2015 - 16:12

Ondata di arresti a Bruxelles e dintorni, dove le autorità hanno fermato 16 persone presumibilmente implicate a vario titolo negli attentati di Parigi.

La polizia ha chiesto il silenzio radio e ha domandato agli utenti di non fornire attraverso i social network particolari che potrebbero avvantaggiare i ricercati. La popolazione ha rispettato le direttive e in tutta risposta, per intasare il web e rendere difficile ai ricercati ottenere online informazioni sugli spostamenti delle forze dell’ordine, ha inondato la Rete di immagini di gattini: un’infinità, di tutte le razze e in tutte le pose.

Lunedì la polizia belga ha ringraziato per l’iniziativa, offrendo un piatto di croccantini virtuali su Facebook e Twitter per ringraziare mici e internauti.

La polizia ringrazia i gatti che hanno inondato il web... polizia federale belga

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.