Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Minaccia attentati e tensioni Presidenziali, Francia verso un voto blindato

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sarà un voto blindato, quello del primo turno delle presidenziali domenica in Francia, a tre giorni dall’attacco a una pattuglia della polizia sugli Champs-Elysées di Parigi. Lo conferma una circolare segreta dei servizi francesi, pubblicata in esclusiva dal quotidiano ‘Le Parisien’. Intanto nell’ultimo sondaggio, effettuato dopo l’attacco nella capitale, Marine Le Pen guadagna un punto percentuale ma resta seconda a Emmanuel Macron.

Nella nota classificata "confidenziale", al primo posto fra i rischi previsti c'è "la minaccia jihadista, costante e sostanziale". Per questo nei seggi, considerati i luoghi più vulnerabili domenica, si definisce "indispensabile la presenza della polizia all'apertura", con un contatto permanente anche "nelle prefetture e nei luoghi di spoglio".

Per avere uomini a sufficienza –ne sono stati mobilitati quasi 60 mila in più- i comandi hanno predisposto "restrizioni nei permessi" di polizia, gendarmi e militari.

Un altro rischio previsto sono le "violenze urbane per raduni più o meno importanti dopo l'annuncio dei risultati".

Incombe infine la minaccia informatica, in vista della quale è stato "rafforzato" lo scudo anti-hacker del ministero dell'interno.

L’ultimo sondaggio

Con un punto percentuale guadagnato, la leader del Front National Marine Le Pen resta seconda a Emmanuel Macron (En Marche) ma distanzia Jean-Luc Mélenchon (La France Insoumise) e al repubblicano François Fillon.

Dopo l'attentato di giovedì, sicurezza e chiusura delle frontiere cancellano ogni altro tema e aggravano l'incognita sugli equilibri elettorali. Il premier socialista Bernard Cazeneuve ha intanto accusato Le Pen e Fillon di strumentalizzare senza vergogna la paura per scopi elettorali.

Un voto incerto, il primo turno di domenica. Penultima tappa di una lunga campagna elettorale che gli osservatori hanno definito –tra scandali e colpi di scena- la più dura e sorprendente della storia della Repubblica. 

Gli indecisi sarebbero quasi un terzo degli elettori.

(2)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltremare

Nei territori francesi d'Oltremare, che contano un milione e mezzo di elettori, le operazioni di voto sono già cominciate. In Francia i seggi saranno aperti domenica dalle 8 alle 19, fino alle 20 nelle grandi città.

 

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 22.04.2017)

×