Navigation

Vertice a tre sulla Siria, scatta offensiva su Idlib

Civili in fuga in un'immagine d'archivio. RSI-SWI

Mentre è in corso a Teheran un vertice tra i presidenti russo, turco e iraniano sulla Siria, le forze armate di Mosca e Ankara discutono su come limitare le vittime civili nell'offensiva finale di Idlib. Che pare iniziata.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 settembre 2018 - 13:20
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 07.09.2018)

Che le truppe governative potessero tornare a colpire venerdì nella provincia, ultimo bastione dei ribelli, lo aveva confermato la portavoce della diplomazia russa Maria Zakharova.

"I modi per sradicare i terroristi da Idlib con il minimo danno per la popolazione civile vengono discussi nel dettaglio dalle forze armate russe e da quelle turche", aveva detto in mattinata.


Contenuto esterno

Primi raid in corso

Meno di un'ora dopo, le prime notizie dell'offensiva: un'ondata di raid aerei russi e governativi siriani si è abbattuta sull'ultima roccaforte anti-regime, nella Siria occidentale. 

Le fonti locali riferiscono di intensi bombardamenti aerei nella zona di Khan Shaykhun, a sud del capoluogo di Idlib.


Contenuto esterno

Intanto, a Teheran, sono riuniti i presidenti di Iran, Russia e Turchia, Hassan Rohani, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan per fare il punto sulla questione.

La regione è sotto influenza turca ma Russia e Iran, che sostengono militarmente il regime di Bashar-al-Assad, fanno pressioni per estendere le loro rispettive influenze nell'area.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.