Navigation

La risposta a Lux Leaks: la trasparenza

La proposta della Commissione europea è che gli stati Ue si scambino ogni tre mesi informazioni sugli sconti fiscali concessi alle grandi società

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2015 - 21:15

Gli stati dell'Unione europea, dal prossimo anno, dovrebbero scambiarsi ogni tre mesi informazioni sugli sconti fiscali concessi alle grandi società. È quanto ha proposto mercoledì la Commissione europea per rispondere al cosiddetto scandalo Lux Leaks, il generoso trattamento fiscale che il Lussemburgo ha concesso a numerose multinazionali, emerso quattro mesi fa da rivelazioni di stampa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.