Navigation

La Grecia non esce dall'U.E, accordo fatto

Tsipras rilascia le prime dichiarazioni, sullo sfiondo la reazione delle borse Keystone

Verrà creato un fondo per privatizzare aziende statali e ricapitalizzare

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2015 - 13:01

Sulla Grecia, dopo 17 ore di negoziati, c'è l'accordo. Lo ha dichiarato lunedì mattina attraverso il suo profilo Twitter il premier belga Charles Michel. Subito dopo è intervenuto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk che ha confermato la notizia aggiungendo che un'intesa unanime per negoziare un terzo programma di aiuti al paese è stata siglata.

"Dopo 17 ore di trattative", ha affermato, "abbiamo raggiunto un accordo per avviare negoziati sugli aiuti con rigide condizioni". Da parte sua, Jean-Claude Juncker, a capo della Commissione dell'UE, ha dichiarato: "Abbiamo così evitato l'uscita della Grecia dalla zona euro ("Grexit"), obiettivo per il quale ci siamo battuti".

Subito dopo ha parlato pure il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem il quale ha detto che è prevista la creazione di un fondo che "privatizzerà asset di Stato per realizzare profitti, e servirà ad abbattere il debito e alla ricapitalizzazione delle banche".

La cronaca nel servizio del Telegiornale

Riforme drastiche per la Grecia si prospetta un cammino molto duro. Tomas Miglierina, da Bruxelles, spiega quali sono gli impegni presi da Atene

Le reazioni all'accordo. Tsipras: "abbiamo lottato fino alla fine", Merkel: "più vantaggi che svantaggi"

Preoccupazione ad Atene. Nel collegamento col nostro inviato Alessandro Chiara l'atmosfera nella capitale ellenica

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.