Navigation

L'altra Grecia, quella dei rifugiati

Ogni giorno sbarcano dagli 800 ai 1000 profughi sull'isola di Lesbos e il sistema di accoglienza è in tilt

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2015 - 15:47

L'Italia non è la sola porta d'entrata dei migranti. Lo è anche la Grecia, vittima di una fortissima crisi economica dove è pure andato in tilt il sistema di accoglienza.

Sull'isola di Lesbos, in particolare, ogni giorno arrivano dalla Turchia dagli 800 ai 1000 profughi, accampati in condizioni spesso disumane nei due campi di raccolta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.