Navigation

Quanto cambierà davvero il Brasile?

Il neoeletto presidente Jair Bolsonaro, subito dopo aver ricevuto la conferma della nomina a capo dello Stato da parte dell’autorità elettorale brasiliana, ha ribadito l’intenzione di “cambiare il destino del Brasile insieme ai cittadini”, ricordando come la nazione sudamericana non possa “continuare a flirtare con il socialismo, il comunismo, il populismo e l'estremismo della sinistra”.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2018 - 08:31
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Vero è che l’ufficiale dell’esercito di origini italiane non ha mai nascosto in campagna elettorale l’intenzione di usare le maniere forti per sradicare la corruzione e ridurre l’elevato tasso di criminalità che azzoppano il Brasile e da domenica sera ha i mezzi per farlo.

Jair Bolsonaro ha vinto il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Brasile con il 55,20% dei voti, contro il 44,80% ottenuti da Fernando Haddad, candidato del Partito dei Lavoratori (Pt), un vantaggio equivalente a circa 11 milioni de voti.

End of insertion

Il successo di Bolsonaro, forte di slogan come "il Brasile su tutto, Dio su tutti" o "il mio partito è il Brasile", segna del resto un punto di svolta in quella che resta una delle più vaste democrazie latinoamericane, che vira seccamente a destra dopo 13 anni di sinistra al potere (2003-2016), con gli ultimi due anni “di transizione” guidati da un Michel Temer che lascia il potere dopo aver ottenuto il record negativo di consensi e sostegno da parte dei suoi compatrioti: appena il 2%.

Il notevole margine di vantaggio del “Trump dei Tropici” rispetto al candidato della sinistra perdente, Fernando Haddad, evidenza d’altronde che l’orientamento chiarito da sempre da Jair Bolsonaro, applicare legge e ordine e sostenere i valori della famiglia, sono le semplici esigenze che i brasiliani sembrano voler vedere concretizzate nei fatti e non solo a parole.

Sarà da vedere se pure le uscite omofobiche, razziste e misogine dell’ex capitano 63enne in campagna elettorale resteranno solo parole o saranno a loro volta tradotte in realtà da un uomo che non ha mancato neppure di esprimere "nostalgia" per i ventuno anni in cui il Brasile fu dominato dai militari, dopo il colpo di Stato del 1° aprile ‘64 che rovesciò il Governo di João Goulart, democraticamente eletto come lo stesso Bolsonaro.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?