Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Gibilterra, ultimo scoglio Brexit, accordo raggiunto tra Regno Unito e Ue

Theresa May conferma l'intesa raggiunta "nella notte" fra i negoziatori sulla dichiarazione relativa alle relazioni future fra Londra e Bruxelles e afferma che si tratta di un "accordo giusto" per gli interessi nazionali britannici. Unico punto critico lo status futuro di Gibilterra. La Spagna è tornata ad esprimere con forza la sua preoccupazione.

La rocca di Gibilterra fotografata verso il tramonto con il cielo nuvoloso.

Gibilterra, l'ultimo scoglio nel divorzio tra Ue e Regno Unito.

(Keystone)

Una maratona negoziale durata tutta la notte tra le cancellerie europee. Tanto c'è voluto per permettere al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk di annunciare "un accordo a livello tecnico, e di principio anche a quello politico, sulla dichiarazione congiunta per le relazioni future tra l'Ue ed il Regno Unito", nonostante l'incognita della Spagna, che continua a puntare i piedi sulla trattativa per il futuro di Gibilterra.

La dichiarazione - secondo documento che con il corposo accordo di divorzio compone il pacchetto Brexit - stabilisce i parametri per una partnership futura "ambiziosa, ampia, approfondita e flessibile" in materia commerciale, di politica estera, di difesa e di sicurezza, tra i due blocchi. E prevede la possibilità di estendere il periodo di transizione per un anno.

brexit

Trovato l'accordo di divorzio tra Ue e Regno Unito. Resta ancora un punto di domanda: la Rocca di Gibilterra

La Spagna fa resistenza

Un'intesa su cui pesa però l'insistenza della Spagna del premier socialista Pedro Sanchez, che in odore di elezioni anticipate e data la prossimità delle consultazioni del 2 dicembre in Andalusia (regione che, guarda caso, confina proprio con la Rocca), è determinato a portare a casa un risultato. 

Ma il dossier Gibilterra - territorio autonomo della corona britannica rivendicato storicamente (invano) dalla Spagna - è materia sensibile anche nel Regno Unito, dove May giovedì si è nuovamente trovata a fare i conti con assalti frontali che le piombavano addosso un po' da tutte le parti durante la presentazione del testo dell'accordo alla Camera dei comuni.

La premier ha illustrato il testo assicurando che ovviamente la sovranità su Gibilterra non si tocca, che il Regno Unito non resterà "intrappolato" nella transizione post Brexit e che il backstop sull'Irlanda del Nord - preteso come garanzia di un confine aperto fra Belfast e Dublino in caso di intoppi - è un meccanismo che entrambe le parti puntano a sostituire con soluzioni alternative.

Al lavoro in vista del D-Day di domenica

Per questo il lavoro nel triangolo Londra-Bruxelles-Madrid va avanti, e investirà anche la discussione degli sherpa, domattina, in preparazione del vertice di domenica. Summit dove la maggior parte dei leader, Angela Merkel in testa, vogliono assolutamente evitare di ritrovarsi a dover fare negoziati.

Intanto May tornerà nel cuore dell'Unione sabato, per quella che in molti sperano sia l'ultima messa a punto, senza brutte sorprese, in vista del D-Day di domenica, giornata dell'imprimatur politico con strette di mano e foto. Sempre che il rebus Gibilterra trovi una soluzione.

La question irlandese

iralnda

Resta ancora un problema la questione della frontiera tra le due Irlande


tvsvizzera.it/fra con RSI

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box