La televisione svizzera per l’Italia

Francia: Macron attacca, “con estremisti è la guerra civile”

macron
Copyright 2024 The Associated Press. All Rights Reserved

In calo nei sondaggi pre-elettorali, Emmanuel Macron si lancia all'attacco degli avversari dando l'allarme sulla tenuta della democrazia in Francia: "I programmi degli estremisti portano alla guerra civile".

Il monito del presidente agli elettori riguarda sia l’estrema destra del Rassemblement National (Rn), con il suo candidato premier Jordan Bardella che a meno di una settimana dalle elezioni anticipate del 30 giugno e 7 luglio ha presentato il suo programma, sia alla France Insoumise di Jean-Luc Mélenechon, tra le componenti più radicali della coalizione di sinistra Nouveau Front Populaire.

Dopo “sette lunghi anni di resa di Macron dinanzi all’Ue”, la Francia tornerà a “difendere i propri interessi” a Bruxelles, riporterà la pensione a 62 anni, vigilerà sulle ”ingerenze russe” ma non invierà né truppe né missili di lunga gittata all’Ucraina, ha annunciato Bardella. Un progetto di forte connotazione nazionalista, agli antipodi della Francia di Macron, il presidente europeista che ha sempre scommesso sulla dimensione continentale per rispondere insieme alle sfide del futuro.

“Siamo pronti” a governare, ha assicurato Bardella, che a 28 anni già si proietta alla guida dell’esecutivo d’Oltralpe, come premier più giovane nella storia della Quinta Repubblica, in una possibile quanto incredibile coabitazione con Macron. Intervistato in mattinata, anche il ministro dell’Economia, Bruno Le Maire, ha detto di temere per la ”pace civile” della Francia mentre il premier, Gabriel Attal, ritiene che i nazionalisti “non siano pronti” a governare.

Ma secondo un ultimo sondaggio realizzato da Ifop-Fiducial per Lci, Le Figaro e Sud Radio, il partito di estrema destra è dato ampiamente in testa, con il 36% delle intenzioni di voto al primo turno del 30 giugno, in aumento di due punti rispetto alla stessa inchiesta del 19 giugno, davanti alla coalizione di sinistra Nouveau Front populaire (29,5%, +0,5 punti) e al campo presidenziale (20,5%, in calo di 1,5 punti in cinque giorni).

“Il nostro arrivo al potere segnerà il ritorno della Francia sulla scena europea per difendere i nostri interessi”, ha avvertito il fedelissimo di Marine Le Pen, che non ha escluso l’ipotesi di rimuovere la bandiera Ue da Palazzo Matignon, l’equivalente parigino di Palazzo Chigi. “Ci sto riflettendo”, ha detto ai giornalisti riuniti ai Salons Hoche, centro congressi a due passi dall’Arco di Trionfo. Bardella è tornato anche a chiedere una ”maggioranza assoluta” per guidare il Paese.

“Voglio il potere per esercitarlo”, ha detto dettando la sua linea, dall’abolizione della riforma delle pensioni di Macron a quello che ha definito un “big bang di autorità” nelle scuole: il divieto di cellulari in classe, l’obbligo di ”dare del voi” agli insegnanti e l’introduzione dell’uniforme obbligatoria. Parlando dinanzi a Marine Le Pen ed Eric Ciotti, il presidente estromesso dei Républicains (Lr) che ha aperto alla contestata alleanza con l’estrema destra, Bardella ha inoltre confermato che ”gli incarichi più strategici dello Stato saranno riservati ai cittadini francesi’, vietandoli dunque ai binazionali.

Sostenitore di un’Europa ”delle nazioni”, il candidato di origini italiane ha promesso una ”deroga” alle regole Ue sul congelamento dei prezzi delle bollette energetiche e assicurato che sarà ”estremamente vigile dinanzi ai tentativi i di ingerenza della Russia”. Quanto all’Ucraina, non farà mancare il sostegno di Parigi a Kiev ma si opporrà all’ipotesi di inviare truppe e missili di lunga gittata all’Ucraina, come recentemente evocato da Macron che tuttavia ora sembra voler sfumare. “Non penso che domani andremo a impegnarci sul suolo ucraino”, ha chiarito il presidente in un’intervista al podcast “Génération Do It Yourself”.

Sul fronte della guerra tra Israele e Hamas, Bardella ritiene che “riconoscere uno Stato palestinese sarebbe riconoscere il terrorismo”. E si è posto come “scudo per i nostri connazionali ebrei dinanzi a un islamismo che non vuole solo separare la Repubblica, ma conquistarla”. Parole distanti da quelle dello storico patriarca dell’allora Front National, Jean-Marie Le Pen, più volte condannato in Francia per razzismo, antisemitismo e negazionismo, che definì le camere a gas ”un dettaglio della Storia”’.

Attualità

La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera
confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni
veicoli posteggiati

Altri sviluppi

Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali

Questo contenuto è stato pubblicato al Le vendite di veicoli a motore sono scese in giugno: sono stati immatricolati 33'100 auto, camion, bus e moto, con una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Di più Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR