Navigation

Euro, abolita la soglia minima di 1.20 franchi

La Banca nazionale svizzera ha deciso di rinunciare al tasso di cambio minimo con la moneta europea

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2015 - 14:36

La Banca nazionale svizzera ha deciso di abolire la soglia minima di 1.20 franchi per un euro, in vigore dal 6 settembre 2011 per contrastare gli effetti negativi del franco forte. Lo ha comunicato oggi, giovedì, l'istituto centrale in una nota. Sono stati abbassati anche del 0,75% i tassi di interesse di riferimento.

La notizia arriva come un fulmine a ciel serenoLink esterno. Solo 10 giorni fa, in un'intervista alla SRF, il direttore della Banca centrale Thomas Jordan aveva infatti detto che la soglia minima era irrinunciabile: "I rischi deflazionistici sono nettamente aumentati. Un apprezzamento del franco potrebbe inevitabilmente accentuare l'inflazione negativa o addirittura condurre a una deflazione" aveva affermato.

La misura, spiega ancora la BNS, era stata adottata a titolo eccezionale e temporaneamente in un periodo di estrema sopravalutazione della valuta elvetica e ha permesso di salvaguardale l'economia nazionale.

Alle 10.30, pochi minuti dopo il comunicato, 1 euro valeva 1,1608 franco, contro l'1,2010 precedente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.