Navigation

Dramma Austria, tre fermi

Il camion trasformatosi in trappola letale è ora a disposizione degli inquirenti Keystone

Nel camion le salme di 4 bambini, 8 donne e 59 uomini. Trovati anche documenti siriani

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 agosto 2015 - 20:15

Tre persone sono state arrestate in Ungheria con l'accusa di essere legate ad una rete di passatori bulgaro-ungherese. Una quarta persona, ricercata, è invece fuggita, hanno affermato gli inquirenti nel corso di una conferenza stampa ad Eisenstadt (Austria).

I fermi sono arrivati per il proprietario del camion, un cittadino bulgaro di origine libanese, e i due conducenti, un bulgaro e un ungherese.

Emergono anche ulteriori dettagli riguardanti le vittime. Nel veicolo sono state trovate le salme di 71 persone: una bimba di 1-2 anni, tre bambini tra gli 8 e i 10, 8 donne e 59 uomini. Probabilmente sono morti per asfissia dopo ore di agonia durante le quali hanno tentato di aprire un varco nelle pareti della cella frigorifera nella quale erano stati rinchiusi.

Il fatto che si tratti di persone di nazionalità siriana ha trovato conferme. Tra i corpi, ormai in putrefazione, sono stati trovati anche documenti di viaggio del paese. Le verifiche sulla loro identità sono in corso per l'istituto di medicina legale di Vienna.

Red/ATS

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.