Navigation

Congo, a Strasburgo prevarranno gli interessi o la giustizia?

Il recente premio a Mukwenge non sembra aver portato una sensibilizzazione sufficiente sulla certificazione dei minerali

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 maggio 2015 - 15:14

Il parlamento europeo lo ha premiato per le cure che presta alle donne vittime di violenze nel Congo orientale, dove imperversa una guerra civile finanziata dal traffico di minerali rari. Un traffico contro il quale lo stesso parlamento sta per votare una legge che rischia di lasciare tutto così com'è. E cosi il dottor Denis Mukwenge, premio Sakharov 2014 per i diritti umani, è tornato a Bruxelles per chiedere all'Europa di fare sul serio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.