Navigation

Canton Marittimo, ora i sardi ci credono

tvsvizzera

L'idea nata da un gruppo di Cagliari sta contagiando l'isola mediterranea.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giugno 2014 - 21:00

Solo meno di 4 mesi fa un piccolo gruppo di Cagliari lanciava in rete quella che per la maggior parte delle persone era una semplice provocazione: affrancare la Sardegna dall'Italia e annetterla in un secondo tempo alla Svizzera. Un'idea che inizialmente ha richiamato l'attenzione o la curiosità soprattutto degli svizzeri e dei medi elvetici. Sono infatti state tante, tantissime le reazioni positive giunte dalla Confederazione.

Poi è stata la volta dei media europei. Da Russia today a The Guardian, da Der Spiegel a tutta una serie di quotidiani e riviste del continente. Anche i maggiori giornali italiani hanno dato una certa rilevanza al movimento che nel frattempo si è riunito in un'associazione. Ora anche i sardi si sono accorti di loro.

La principale televisione privata ha dedicato un servizio. I giornali diversi articoli. E la popolazione sarda - fieramente sarda legata alle proprie origini e alla propria indipendenza - inizia a riflettere su quella che da provocazione è diventata un'idea condivisibile.

Per il momento l'associazione non ha ancora intrapreso i passi necessari con le istituzioni sarde ma un primo contatto informale c'è stato come si sono promossi pure i primi abboccamenti con alcuni gruppi indipendentisti.

La Svizzera istituzionale per ora non è stata contattata - troppo presto secondo i promotori (prima occorre che i sardi stessi siano uniti dietro all'idea) - ma per il prossimo futuro si prevede di promuovere la Sardegna in Svizzera agli svizzeri. Poi si vedrà. Intanto però in Sardegna sempre più persone conoscono il progetto e sempre più persone aderiscono all'idea.

E per quest'estate, per far sentire i turisti svizzeri a casa loro in Sardegna, sono previste diverse facilitazioni...

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.