Navigation

È morto Kofi Annan, ex segretario Onu e premio Nobel

L'ex segretario generale ritratto ancora in carica, nel 2006, nella sede Onu di Ginevra Keystone

L'ex segretario generale dell'Onu Kofi Anna è morto a 80 anni, dopo una breve malattia. Lo ha confermato la fondazione che porta il suo nome. Il diplomatico ghanese, secondo quanto riferito dalla famiglia, è spirato in un ospedale di Berna.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 agosto 2018 - 14:20
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 18.08.2018)

Nato nel 1938, è stato segretario generale dal 1997 al 2006: era quindi in carica al momento dell'adesioneLink esterno della Confederazione nelle Nazioni Unite.

Nel 2001 aveva ricevuto il premio Nobel per la paceLink esterno, insieme alla stessa Onu, per il lavoro svolto "per un mondo meglio organizzato e più pacifico".

Una carriera all'Onu

Kofi Atta Annan si era laureato al Macalester College di St. Paul, in Minnesota. Aveva perfezionato gli studi all'Institut Universitaire des Hautes Etudes di Ginevra, in economia, e al Massachusetts Institute of Technology, in management.

Contenuto esterno

La sua intera carriera diplomatica si svolse nella burocrazia dell'Onu, dove entrò nel 1962. Nel 1993, gli fu affidato l'incarico di responsabile delle missioni di pace.

"Un campione di pace"

"Ha combattuto per tutta la vita per un mondo che fosse più giusto e più pacifico", scrivono la famiglia di Kofi Anna e l'omonima fondazioneLink esterno sul profilo Twitter del diplomatico scomparso.

Contenuto esterno

"Durante la sua carriera e la leadership nelle Nazioni Unite, è stato un ardente campione di pace, impegnato per lo sviluppo sostenibile, i diritti umani e il valore della legge", aggiungono i congiunti, che in seguito daranno comunicazioni sui funerali.

Contenuto esterno

Anche l'attuale segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha affidato a Twitter il suo omaggio. "Kofi Annan era una forza del bene", scrive. "In questi tempi turbolenti e difficili, la sua eredità come campione globale per la pace rimarrà una vera ispirazione per tutti noi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.