Navigation

Al bando il vessillo sudista?

Dopo la strage di Charleston gli USA riflettono

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2015 - 13:08

A una settimana dalla strage a sfondo razziale nella chiesa di Charleston in cui hanno perso la vita 9 afroamericani, continua negli Stati Uniti il dibattito sulla bandiera confederata, considerata da molti simbolo di odio razziale e schiavismo. Molti colossi della grande distribuzione hanno scelto di non venderla più e anche la governatrice della Carolina del Sud ha chiesto la rimozione del vessillo dei sudisti da tutti gli edifici pubblici dello Stato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.