Aggressione e suicidio Germania, furgone sulla folla a Münster: 3 morti

Nastro con la scritta Polizei in primo piano, a sbarrare un centro storico con auto della polizia sul fondo

Sbarrata la città vecchia.

Keystone

Un veicolo ha investito la folla nel centro di Münster, in Germania, nelle prime ore di sabato pomeriggio. Il bilancio è di tre morti incluso il conducente e di 20 feriti, dei quali sei gravi.

Le prime fotografie mostravano un furgone, piombato su un tavolino di un bar all'aperto nella zona turistica della città vecchia di Münster. La polizia ha prima invitato via Twitter la popolazione ad allontanarsi dal centro, poi ha reso noto che l'aggressore si è suicidato all'interno del veicolo. 

Secondo i media, si tratterebbe di un tedesco di 49 anni con problemi psichici. Herbert Reul, ministro dell'interno del Nord Reno-Vestfalia, ha confermato in serata la nazionalità.

Reul ha sottolineato che le indagini sono all'inizio ma "al momento niente fa pensare che ci sia alcun legame con ambienti islamisti". "Stiamo indagando in tutte le direzioni", ha però aggiunto.

L'emittente Ntv aveva intanto riferito che gli inquirenti temevano la presenza di ordigni esplosivi nel furgoncino.

"La situazione è ancora poco chiara, vi preghiamo di non fare speculazioni", aveva twittato la polizia, sottolineando di essere sul posto con tutte le forze a disposizione.

Il sindaco di Münster Markus Lewe ha confermato che le autorità non conoscono ancora i motivi del gesto dell'autista del furgone. 

"Tutta Münster piange per questo orribile incidente. La nostra vicinanza va ai familiari delle persone uccise, mentre auguriamo ai feriti una pronta guarigione", ha dichiarato.

Parole chiave