Navigation

È un atto terroristico l'assassinio del politico britannico

Il primo ministro britannico Boris Johnson e il leader dei laburisti Keir Starmer portano fuori sul luogo del delitto. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved

La polizia britannica ha definito l'omicidio del deputato conservatore David Amess, accoltellato a morte venerdì nell'Essex, a sud dell'Inghilterra, un atto terroristico che ha riacceso le polemiche sulla sicurezza dei funzionari eletti nel Regno Unito.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2021 - 13:07
tvsvizzera.it/fra

Il parlamentare 69enne, membro del partito conservatore di Boris Johnson e fervente Brexiter, è stato ripetutamente accoltellato poco dopo mezzogiorno. L'attacco ha avuto luogo nella chiesa metodista dove stava parlando con i suoi elettori mentre era a Leigh-on-Sea, località a circa 60 chilometri a est di Londra.

Un uomo di 25 anni è stato immediatamente arrestato sul posto con l'accusa di omicidio e stando a vari media britannici, si tratterebbe di un cittadino britannico di origine somala. "I primi elementi dell'indagine hanno rivelato una potenziale motivazione legata all'estremismo islamista", ha detto in un comunicato la polizia sabato notte.

Il politico è deceduto sul luogo dell’attacco a seguito delle gravi lesioni subite e nonostante il pronto intervento dei soccorsi.

Contenuto esterno

Misure di sicurezza

La polizia britannica ha annunciato che ogni deputato sarà contattato per essere informato sulle nuove misure di sicurezza dopo l'assassinio del parlamentare conservatore David Amess,.

Secondo il tabloid Mirror ad alcuni deputati è stato chiesto di comunicare alla polizia quando e dove sono in programma gli incontri ed in alcuni casi sono stati cancellati.

Da venerdì la politica britannica sta discutendo su questo tema, se sia il caso di continuare a tenere questi eventi faccia a faccia tra deputati ed elettori. La ministra degli Interni, Priti Patel, sabato ha dichiarato che i "parlamentari devono andare avanti e svolgere i loro doveri per servire la democrazia senza lasciarsi intimidire".

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.