Navigation

Alfie, la corte nega il trasferimento in Italia

Alfie. Keystone

L'Alta corte britannica ha negato martedì il trasferimento in Italia di Alfie, il bambino inglese affetto da una grave patologia degenerativa le cui condizioni hanno innescato una battaglia legale tra i genitori e i sanitari, che ritengono opportuno interrompere le cure.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 aprile 2018 - 13:15
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 25.40.2018)

Il caso sta dividendo l'opinione pubblica, non solo nel Regno Unito. Tanto che l'Italia ha concesso con un provvedimento urgente la cittadinanza ad Alfie, perché potesse essere accolto dall'Ospedale del Bambin Gesù di Roma o dal Gaslini di Genova che si erano offerti di curarlo.

"Accanimento terapeutico"

Il piccolo è affetto da un'ignota, incurabile patologia neurodegenerativa e l'Alta corte -nell'ultima sentenza di una lunga battaglia legale- ha riconosciuto ai genitori il diritto di portarlo a casa ma non in Italia.

Secondo i giudici, non è nell'interesse di un bambino in stato "semi-vegetativo" con danni cerebrali irreversibili. Si tratterebbe di un "ingeneroso e disumano" accanimento terapeutico.

Contenuto esterno

La famiglia ha già annunciato il ricorso in appello e l'udienza, conferma la Corte, è fissata per il pomeriggio di mercoledì.

Un nuovo tentativo, nonostante tutti i gradi della giustizia britannica (e la Corte europea per i diritti umani CED) abbiano dato ragione ai sanitari.

Vivo contro le previsioni

Lunedì sera era già stato avviato il protocollo di estubazione e fine vita, ma "la spina" era stata riattaccata il giorno successivo, dopo che Alfie era sopravvissuto 10 ore senza ventilazione artificiale.

Mercoledì, il piccolo è anche tornato a ricevere nutrimento assistito all'ospedale di Liverpool, dopo aver resistito senza "per 36 ore" ed essere ormai entrato nel secondo giorno di vita dopo il distacco del respiratore, riferisce il padre.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.