Navigation

Accordo tra il fisco italiano e il gruppo Kering

Il gruppo Kering pagherà al fisco italiano 1,25 miliardi di euro per chiudere il caso Gucci nato da un'indagine del Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Milano che aveva contestato al gruppo francese una presunta evasione fiscale da circa 1,4 miliardi di euro per 14,5 miliardi di ricavi non dichiarati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2019 - 21:31
Contenuto esterno


Quello chiuso giovedì è tecnicamente un accertamento con adesione la cui definizione comporterà per Kering il pagamento "di una maggiore imposta pari a 897 milioni di euro - ha spiegato la società - oltre a sanzioni e interessi per un totale pari a 1,25 miliardi di euro". Si tratta della più alta conciliazione fiscale mai raggiunta tra una società e il Fisco italiano.

*** TBD: embedded ***

​​​​​​​

Evasione dalla Svizzera

La vicenda è quella legata alla controllata ticinese Luxury Goods International. Il fisco contestava a Gucci di essersene servita per omettere di dichiarare nella penisola ricavi per oltre 14 miliardi di euro, approfittando in Svizzera di un'imposizione più favorevole.

La definizione della controversia, "contraddistinta da un'analisi approfondita e da spirito collaborativo" spiega il gruppo guidato da François-Henri Pinault, ha riconosciuto sia l'esistenza di una stabile organizzazione in Italia nel periodo 2011-2017, con relativa attribuzione di utili, sia i prezzi di trasferimento praticati da Lgi nel medesimo periodo con la consociata italiana Guccio Gucci.

Sulla base di una stima iniziale per il Gruppo francese l'effetto della transazione sul bilancio consolidato del 2019 sarà di 600 milioni di imposte addizionali sul conto economico e di circa 1.250 milioni di euro di flusso di cassa negativo sul rendiconto finanziario. 

Oltre a Gucci, Kering controlla altri marchi come Yves Saint Laurent, Bottega Veneta, Balenciaga, Alexander McQueen, Brioni, Boucheron o Pomellato. Ma la Maison toscana rappresenta di sicuro il suo 'campione', capace di valere oltre nel 2018 oltre 8,28 miliardi di euro dei 13,6 miliardi che costituiscono il giro d'affari complessivo di Kering.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.