Navigation

Rapina con presa d'ostaggio a Novazzano

Malvivente ferito e catturato dagli agenti a pochi passi dal confine lombardo

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 febbraio 2016 - 20:31

Tenta una rapina a un distributore di benzina a Novazzano (Ticino), a pochi passi dal confine con la Lombardia, ma viene intercettato da agenti che lo catturano dopo averlo ferito a una gamba con un colpo d'arma da fuoco. Teatro dell'ennesima rapina è sempre un'area di servizio del Mendrisiotto ma questa volta gli agenti non si fanno cogliere impreparati, grazie anche al dispositivo coordinato (polizia cantonale, guardie di confine e polizie comunali) allestito nella zona dalle forze dell'ordine.

Il malvivente, volto coperto e con una pistola in mano, è entrato ieri poco dopo le 19 nel negozio dell'esercizio commerciale e ha minacciato la cassiera. È scattato l'allarme e immediatamente agenti di polizia e guardie di confine hanno circondano l'area. Proprio nei paraggi era appostata una pattuglia in borghese, che è stata raggiunta da rinforzi. Il bandito, nell'estremo tentativo di guadagnare la fuga, ha preso in ostaggio la commessa, cercando di raggiungere la sua auto (con targhe ticinesi risultate rubate) a poca distanza.

In prossimità del veicolo il rapinatore è stato però raggiunto da un colpo alla gamba e catturato. Trasferito all'ospedale, dove è stato sottoposto a intervento chirurgico, l'uomo è stato poi arrestato. Incolumi tutti gli agenti e la dipendente sequestrata. Gli inquirenti stanno effettuando verifiche sull'eventuale coinvolgimento del fermato in altri colpi perpetrati sul confine.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?