Navigation

Pugile in Svizzera, jihadista in Italia

Moutaharrik Abderrahim è uno dei sei arrestati, sospettati di preparare attentati a Roma

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 aprile 2016 - 10:24

C'è incredulità nella palestra di Canobbio (Lugano) dove si allenava uno dei sei presunti jihadisti arrestati nel Nord Italia, sospettati di preparare attentati in Vaticano e contro l'ambasciata israeliana a Roma.

Al Fight Gym Club Moutaharrik Abderrahim, pugile di origine marocchina vincitore di due titoli in Svizzera, viene descritto come una persona socievole e simpatica.

Ma secondo gli inquirenti italiani il 28enne residente a Lecco era entrato in una cellula terrorista e si apprestava a trasferirsi con la famiglia in Siria per combattere nelle file dell'Isis.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.