Navigation

Nuova imposizione sui frontalieri, il Ticino ci guadagna

Dall'imminente accordo italo-Svizzera il cantone riceverà ulteriori 15 milioni di franchi

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 gennaio 2015 - 20:05

È di 15 milioni il guadagno per le casse del Canton Ticino derivante dall'accordo fiscale italo-svizzero che sarà firmato entro il 2 marzo, come annunciato in questi giorni da Berna. Finora questa categoria di lavoratori era tassata alla fonte in Svizzera, le cui autorità riversavano successivamente il 38,8% ai comuni piemontesi e lombardi di frontiera, attraverso Roma. In futuro ognuno farà da sé. I cantoni trattengono una quota di loro competenza sull'imponibile dei frontalieri che passerà dal 61,2 al 71%. Per il resto ci penserà l'Agenzia delle entrate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.