Navigation

Guardia svizzera pontificia, formazione al via

A servizio del Papa dal 1506 keystone

Le 15 reclute acquisiranno in Ticino, con la Polizia cantonale, le basi per garantire l'incolumità del Papa; i corsi continueranno poi a Roma

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2016 - 17:55

Piazza d'armi di Isone, 06.20 di lunedì mattina: la prima tappa tutta ticinese della formazione delle future Guardie svizzere pontificie ha preso il via. Come si legge nel comunicato trasmesso dalla polizia cantonale, sono 15 le reclute che prendono parte ai corsi; corsi, coordinati dalla stessa polizia cantonale e dal Dipartimento delle istituzioni, in cui verranno gettate le basi delle competenze richieste per garantire l'incolumità del Papa. Per quanto riguarda gli aspetti logistici e la messa a disposizione delle infrastrutture, un grosso contributo è stato dato dall'Esercito.

La permanenza in Ticino sarà di 30 giorni, dopodiché le future Guardie completeranno il loro percorso a Roma. Altri due cicli formativi sono previsti per il 2017: uno a febbraio con una quindicina di reclute e un altro a cavallo fra ottobre e novembre con una ventina di partecipanti.

CaL

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.