Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Audi gialla, "io non c’entro"

Un uomo, ritratto in una fotografia circolata sui media, dichiara di essere estraneo alla vicenda

Uno dei ricercati per la vicenda dell'Audi gialla – l'automobile targata Ticino rubata a MalpensaLink esterno con la quale un manipolo di balordi sta seminando panico nel nord-est italiano – si è presentato spontaneamente in questura a Torino per chiarire quello che ha definito "un errore".

L'uomo, un albanese di 32 anni, ha dichiarato nella notte fra sabato e domenica di essere innocente, aggiungendo che anche le altre due persone raffigurate su una fotografia mentre si trovavano ad una stazione di servizio e poi apparse in rete e sulla stampa sono estranee ai fatti.

Arrivato da Forlì, si è fatto accompagnare da un avvocato ed ha spiegato di conoscere anche le altre due persone: anche loro albanesi che, ha assicurato, oggi si trovano nel loro Paese; uno sarebbe anche detenuto. La sua storia è stata verificata e la sua innocenza confermata, ma l'uomo sarà comunque espulso: è risultato privo del permesso di soggiorno.

La vicenda dell'Audi sta peraltro innescando una vera e propria psicosi online, dove su Facebook, per esempio, è stato creato un gruppo ad hoc già seguito da quasi 9'000 persone, in cui si segnalano gli spostamenti del veicolo. Testimonianze perlopiù prive di fondamento.

RedMM

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×