Navigation

Rifugiati nelle aziende agricole

Assumere rifugiati riconosciuti e candidati all’asilo ammessi provvisoriamente in aziende agricole: è il progetto pilota lanciato in sette cantoni svizzeri con l’obiettivo di permettere a queste persone di integrarsi meglio e ai contadini di disporre di manodopera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 maggio 2015 - 08:23
swissinfo.ch e RSI (TG del 20.05.2015)

Il progetto, proposto dall’Unione svizzera dei contadini e dal Segretariato di Stato della migrazione, prenderà il via il primo giugno e coinvolgerà dieci aziende. I richiedenti l’asilo – una quindicina - saranno ingaggiati per almeno tre mesi e riceveranno un salario minimo di 3'200 franchi.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?