Navigation

Presa d'assalto l'acciaieria Azovstal

La notizia dell'attacco all'acciaieria di Mariupol è confermata anche dal Ministero della Difesa di Mosca. Keystone / Sergei Ilnitsky

L'esercito russo ha preso d'assalto l'acciaieria Azvostal a Mariupol nel giorno che il presidente russo  Vladimir Putin ha firmato il decreto con le nuove misure russe come risposta alle sanzioni occidentali. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2022 - 21:37
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

"Siamo stati bombardati tutta la notte, due donne civili sono rimaste uccise e ora Azovstal viene preso d'assalto", riferisce il vice comandante del reggimento Azov asserragliato nell'acciaieria Azovstal di Mariupol Svyatoslav Palamar (Kalyna) citato dall'Ukrainska Pravda."I russi adesso stanno cercando di irrompere nell'impianto, prima dell'assalto, gli aerei hanno bombardato l'impianto", aggiunge. 

La notizia dell'attacco all'acciaieria di Mariupol da parte dell'esercito russo e delle forze filo-russe con "artiglieria e aerei", viene confermata anche dal Ministero della Difesa di Mosca. "Alcune unità dell'esercito russo e della Repubblica popolare di Donetsk, usando artiglieria e aerei stanno cominciando a distruggere" le "posizioni di tiro" dei combattenti ucraini usciti dalla fabbrica, viene precisato.  

Intanto il convoglio umanitario sotto l'egida delle Nazioni Unite e della Croce Rossa, con gli sfollati dall'acciaieria di Mariupol, è in viaggio verso Zaporizhzhia, in ritardo sulla tabella di marcia a causa, a quanto si apprende, dei controlli effettuati dai militari russi ai checkpoint nei territori occupati attraversati dal corridoio.

Contenuto esterno

Johnson in videoconferenza

il premier britannico Boris Johnson ha parlato in videocollegamento al parlamento ucraino. Rivolgendosi ai deputati ucraini, Johnson ha dichiarato che l'Ucraina vincerà la guerra contro la Russia e sarà liberata dall'occupazione straniera.

Intanto in Russia, Vladimir Putin ha firmato un decreto che prevede nuove misure economiche di ritorsione contro le azioni ostili di alcuni stati stranieri ed organizzazioni internazionali.

In particolare, riporta l'agenzia Tass, il documento vieta di effettuare transazioni e concludere accordi con individui stranieri ed entità legali sottoposti alle misure restrittive e vieta di esportare materie prime e prodotti dalla Russia nell'interesse di questi individui.

Il documento non contiene i nomi delle persone e delle società colpite, ma Putin ha chiesto al governo di stilare entro 10 giorni la lista di coloro che verranno sanzionati e di stabilire i criteri per determinare le operazioni soggette al divieto. 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?