Navigation

Una legge ad hoc per i soldi dei dittatori

La Svizzera intende dotarsi di una nuova legge per favorire il blocco e soprattutto la restituzione di beni di ex dittatori, acquisiti in modo illecito, ai rispettivi paesi. La Camera bassa del Parlamento ne discuterà mercoledì. Le opinioni in merito però divergono.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2015 - 10:11
swissinfo.ch e RSI (TG del 07.06.02015)


Negli ultimi anni la Svizzera ha fatto parlare di sé bloccando 650 milioni di dollari del clan Mubarak, 60 milioni della famiglia Ben-Ali e 75 milioni della cerchia attorno all'ex presidente ucraino Janukovic. Per procedere a questi blocchi, però, la Confederazione ha finora dovuto far capo alla Costituzione. Ora, spiega Valentin Zellweger del Dipartimento federale degli affari esteri, è giunto il momento di creare una legge che regoli 25 anni d’esperienze.
 

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.