Navigation

Oltre alla guerra la siccità: anche la produzione svizzera di grano è in difficoltà

I coltivatori elvetici temono l'esplosione dei prezzi. Keystone / Jean-christophe Bott

In Svizzera il raccolto di grano è compromesso dalla siccità delle scorse settimane, con problemi per chi come a Ginevra produce farine al 100% locali. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2022 - 12:54
tvsvizzera.it/MaMi

A livello mondiale, sono 20 milioni le tonnellate di cereali ucraini bloccate nei porti sul Mar Nero sotto il controllo di Mosca. Le conseguenze, oltre che economiche, potrebbero essere umanitarie tant'è che l’ONU teme una carestia, soprattutto nei Paesi africani.

Ma problemi legati al raccolto non sono conseguenti solo alla situazione internazionale. A casa nostra, i coltivatori svizzeri temono un crollo anche nella produzione locale legato alla siccità di quest'anno.

Il mese di maggio, caratterizzato da sole, temperature alte e poche piogge (così come tutto l'inverno) ha infatti messo in difficoltà il settore. Sommando  la crisi ucraina ai fattori climatici, il prezzo del grano rischia di esplodere anche i Svizzera.

Nel servizio odierno, il TG della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana (RSI) ha esposto le conseguenze per chi, come alcuni coltivatori di Ginevra, produce farine al 100% locali.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?