Navigation

Da dove viene la paura di farsi vaccinare

Nulla di nuovo. RSI-SWI

Una volta che ci saranno abbastanza dosi per tutti, una delle sfide della campagna di vaccinazione contro il Covid-19 sarà quella di convincere le persone riluttanti. Nulla di nuovo, come rivela alla Radiotelevisione svizzera RSI un professore di storia della medicina.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 gennaio 2021 - 11:30

Vincent Barras, docente all'Università di Losanna, ricorda come nel XVIII secolo si avesse timore del vaccino contro il vaiolo. "Quello che sembrava poco naturale era il fatto di introdurre nel corpo una sostanza estranea".

All'epoca, però, si inoculava pus proveniente dalle piaghe degli ammalati, per quanto magari affetti da una forma lieve della malattia. Com'è possibile che oggi, con i progressi che hanno fatto la medicina e l'industria farmaceutica, molte persone temano ancora la vaccinazione?

"Forse in una società molto individualista come la nostra, il rischio minuscolo di farsi vaccinare -che, va detto, esiste- fa molta più paura dei rischi globali" provocati dal virus.

Riusciranno le autorità a convincere gli scettici? L'intervista integrale a Vincent Barras.

Contenuto esterno
Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 04.01.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.