Navigation

Nello spazio, la piccola Svizzera concorre con i grandi

Un doppio Premio Nobel e strumenti per 50 missioni europee, americane, russe e cinese: nello spazio, la Svizzera è ovunque. Ed è sempre lei che metterà a disposizione il primo "spazzino dello spazio" per ripulire i detriti in orbita.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 marzo 2021 - 13:58
Skizzomat (illustrazione)

A inizio dicembre 2020, l'annuncio ha avuto una grande eco, a giusta ragione: ClearSpace-1 rappresenta almeno tre prime mondiali. L'Agenzia spaziale europea (ESA) ha siglato un contratto per un servizio completo e verserà quasi 100 milioni di franchi a una start-up che costruirà il primo sistema di smaltimento dei rifiuti spaziali.

Inoltre, per la prima volta, si tenterà di recuperare un pezzo di rottame metallico incontrollabile. È infatti giunto il momento di fare un po' d'ordine nel grande cassonetto che è diventata l'orbita della Terra, oramai pericolosa per tutto ciò che ci gira intorno.

Nel 1995, invece, la scoperta non aveva fatto parlare molto di sé al di fuori delle cerchie scientifiche. Poi, con il passare degli anni, il pubblico ha cominciato a capire che la realtà scientifica non è lontana dalla fantascienza: la galassia non formicola solo di stelle, ma anche di pianeti. E i primi ad aver identificato uno di questi mondi che orbitano attorno a una stella diversa dal Sole si chiamano Michel Mayor e Didier Queloz. E sono svizzeri.

Sono dovuti passare 24 anni prima che la scoperta valesse loro il Premio Nobel per la fisica.

Vuoti nazionalismi a parte, questo Nobel è pienamente giustificato. Per l'astronomia, la scoperta è una delle più importanti del XX secolo. Ha aperto nuovi ambiti di ricerca per comprendere il nostro posto nell'universo e ha moltiplicato per milioni le possibilità di trovare vita extraterrestre.

Ma l'impresa di scovare la vita non è semplice quando bisogna cercarla in mondi distanti centinaia di migliaia di miliardi di chilometri. Qui entra in gioco l'ingegno umano. E anche in questo caso, gli svizzeri sono presenti.

Ma forse non sarà necessario andare così lontano. Non è infatti escluso che la vita elementare e microscopica possa essere nata nel nostro sistema solare. Su Marte oppure su alcune lune di Giove o di Saturno? Le sonde robotiche che cercano tracce di vita hanno usato le stesse tecniche per 50 anni, ma una rivoluzione è in atto. E anche questa volta gli svizzeri sono in prima linea.

Parallelamente, la ricerca sugli esopianeti avanza. Oggi, cominciamo ad avere gli strumenti per capire di che cosa sono fatti. È la missione del telescopio spaziale CHEOPS, il primo satellite europeo "Made in Switzerland", lanciato nel dicembre del 2019. Dopo alcuni mesi di aggiustamenti in orbita, ha fornito nella primavera 2020 i primi risultati.

Ma reputazione degli svizzeri nello spazio non ha atteso ClearSpace, CHEOPS o Mayor e Queloz e neppure l'astronauta "nazionale" Claude Nicollier – il primo non statunitense specialista di missione della NASA – per affermarsi.

Nel 1969, Neil Armstrong e Buzz Aldrin sbarcano sulla Luna con al polso un orologio svizzero. E la prima cosa che fanno una volta sul satellite, prima ancora di piantare la bandiera a stelle e strisce, è installare la vela solare dell'Università di Berna – il solo esperimento scientifico non americano a bordo dell'Apollo XI.

Dagli albori dell'esplorazione spaziale, non c'è stata quasi nessuna missione statunitense o europea che non avesse a bordo almeno un po' di tecnologia svizzera. Perché questo Paese sa fabbricare strumenti precisi e affidabili, condizioni indispensabili per resistere alle difficoltà di un viaggio spaziale.

Che si tratti della propulsione di un rover su Marte, di "annusare" i gas che fuoriescono da una cometa oppure di scattare delle immagini in alta definizione di un pianeta del sistema solare, gli ingegneri svizzeri hanno la soluzione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.