Navigation

Gli effetti positivi del coronavirus su aria e fauna

Così come l'inquinamento atmosferico è nettamente calato, le restrizioni alla mobilità e alle attività dell'uomo introdotte per cercare di contenere l'epidemia di coronavirus hanno avuto un effetto sulla fauna selvatica, che sta riguadagnando spazi. Ma al di là della curiosità di vedere due anatre nella fontana della Barcaccia in piazza di Spagna a Roma, che lezione possiamo trarre da questi effetti secondari e positivi?

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2020 - 15:25
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 25.03.2020)
Le anatre in centro a Roma fanno notizia. initalia.virgilio.it

La Radiotelevisione svizzera RSI ne ha parlato con due esperti. Luigi Boitani, zoologo dell'Università La Sapienza di Roma, osserva prima di tutto una cosa: come in assenza di disturbo antropico gli animali si riapproprino subito degli spazi. Ciò significa che basterebbe poco, per un riavvicinamento. Ma questo cambiamento è destinato a durare?

Al clima serve tempo

Stefano Caserini, professore di Mitigazione dei cambiamenti climatici al Politecnico di Milano risponde invece alla questione dell'inquinamento. Per la qualità dell'aria, i benefici di una riduzione delle immissioni sono immediati, ma per i cambiamenti climatici le cose sono un po' diverse.



Contenuto esterno
Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.