Navigation

Messa in guardia sulle iniezioni per eliminare le rughe

L'Ufficio federale della sanità pubblica e Swissmedic sconsigliano di riccorrere all'iniezione sottocutanea di prodotti non assorbibili dal corpo per avere una pelle liscia e giovanile. www.benessere.com

In estetica evitare iniezione di prodotti non assorbibili. E' il tenore dell'appello lanciato dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 aprile 2002 - 20:08

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici (Swissmedic) sconsigliano di riccorrere all'iniezione sottocutanea di prodotti non assorbibili dal corpo per avere una pelle liscia e giovanile. Gli effetti a lungo termine di prodotto usati non sono infatti ancora ben valutabili ed anni dopo l'intervento estetico la pelle potrebbe infiammarsi.

Sostanze a rischio

I medici specializzati in estetica - sottolinea l'ultimo bollettino dell'UFSP - dovrebbero ricorrere ai prodotti con sostanze probematiche solo in casi difficili, ad esempio per interventi di chirurgia ricostruttiva dopo un incidente. Inoltre il paziente deve essere informato sulle possibili conseguenze di sostanze come silicone, poliacrilamide o plexiglas, le cui particelle riempiono le rughe e lisciano meccanicamente la pelle con una singola iniezione.

Esiste un «rischio non trascurabile per le conseguenze a lungo termine», scrive nell'ultimo bollettino dell'UFSP. Anche dopo mesi o anni dall'intervento estetico la pelle può infiammarsi o formare noduli, rossori e rigonfiamenti che devono poi essere tolti chirurgicamente.

Il procedimento - ricorda Rainer Voelksen, di Swissmedic - non è da confondere con le iniezioni di Botox, un nervino che distende o paralizza i muscoli. Usato originariamente per curare lo strabismo serve anche, ad esempio, a rilassare i muscoli della fronte per evitare le rughe.

Ai consigli di UFSP e Swissmedic si associano anche la Società svizzera di chirurgia estetica e ricostruttiva, quella di dermatologia e quella di medicina estetica.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.