Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Mark Pieth FIFA, "Infantino cerca il potere assoluto"

La decisione della FIFA di rimuovere i presidenti della Commissione etica, avverte il professore di diritto ed esperto di corruzione svizzero Mark Pieth, significa che il processo di riforma è morto, affossato dal presidente Gianni Infantino.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Martedì, il Consiglio della FIFA ha deciso di non rinnovare il mandato dell'investigatore Cornel Borbély e del giudice etico Hans-Joachim Eckert, che hanno guidato i recenti sforzi di ripulire l’organizzazione. È stato lo stesso organo di governo del calcio mondiale con sede a Zurigo a nominare due successori.

“Il processo di riforma è morto”, ha detto Mark Pieth a swissinfo.ch mercoledì. Il professore di diritto ha seguito da vicino le questioni di conduzione della FIFA, quando era stato messo dall’ex presidente Joseph Blatter a capo di un gruppo di riforma nel 2011.

In realtà, spiega Pieth, Infantino ha affossato il processo di rinnovamento lo scorso anno, quando il Congresso FIFA di Mexico City ha dato al Consiglio la facoltà di nominare o destituire membri dei suoi organi di sorveglianza indipendenti, come la Commissione etica. In seguito a questa decisione, il responsabile vigilanza e conformità Domenico Scala, che sovraintendeva alle riforme, ha dato le dimissioni.

“Borbély ed Eckert, che hanno fatto un enorme lavoro, speravano di mantenere la loro indipendenza ma hanno fallito”, osserva Pieth.

La FIFA ha riformato il comitato etico nel 2012, in risposta a una serie di casi di corruzione. Il lavoro di Borbély ed Eckert portò alla sospensione e all’espulsione di decine di funzionari, incluso l’ex presidente Sepp Blatter, il segretario generale Jérôme Valcke e l’ex boss del calcio europeo Michel Platini.

Il professore di diritto Mark Pieth

(Keystone)

Borbély ha dichiarato mercoledì che la Commissione, fino alla sua destituzione, ha preso in esame “diverse centinaia” di possibili illeciti alla FIFA, alcuni dei quali coinvolgevano alti funzionari.

“Questo genere di manovra può essere interpretato in un solo modo”, sostiene Pieth: “Infantino vuole sbarazzarsi delle persone che perseguono i truffatori e rimpiazzarle con gente che non ha una gran reputazione in ambito di diritto penale”.

“Infantino e i suoi amici stanno cercando di indebolire il processo etico. Credo che abbia paura e che questo sia l’unico modo di mantenere il potere alla FIFA”.

“Autocratico”

Lo scorso anno, diversi mesi dopo la nomina di Infantino, Pieth lo ha accusato di aver lasciato cadere la maschera di riformatore. Un anno dopo, ha cambiato opinione?

“Sta succedendo quel che avevo previsto”, risponde il professore di diritto. “La FIFA, sotto la sua guida, non è una dittatura ma è molto autocratica. Infantino mira al potere assoluto.”

Gli allontanamenti di questa settimana di Eckert, Borbély e Miguel Maduro –il quale, da quanto viene riferito, non è più presidente della Commissione di governance e controllo- sono molto seri, continua Pieth.

“La FIFA si sta rendendo ridicola”, dice. “È sorprendente che intraprenda questi passi poiché è ovvio che Infantino sta minando l’istituzione. Un’interpretazione possibile è che si sente così sicuro da potersene infischiare. L’altra è che aveva molta paura dei due funzionari etici”.

Vittima di “fake news”

Parlando al 67esimo congresso della FIFA giovedì, Infantino ha respinto le critiche, dicendo che l’organizzazione è stata riformata ed è attualmente vittima di “fake news”.

“Stiamo ricostruendo la reputazione della FIFA dopo quanto successo. Abbiamo preso le redini dell’organizzazione nel suo momento più buio”, ha dichiarato.

Secondo Infantino le critiche sono ingiuste, poiché la trasparenza e i controlli sono migliorati.

“In passato diversi esperti sono stati pagati fior di milioni per aiutare a riformare la FIFA. Io ora vi domando: cosa hanno fatto? Hanno semplicemente dato la loro benedizione a un sistema corrotto e malato. Dove erano tutti questi sedicenti guru ed esperti? Hanno tutti fallito miseramente. Non accetterò, anzi non accetteremo, lezioni di buona governance da coloro che hanno miseramente fallito a proteggere il calcio”, ha detto.

Il quartier generale della FIFA a Zurigo.

(Keystone)

Gli scandali di corruzione

Da un comunicato della FIFA, si apprende che l’investigatrice colombiana Maria Claudia Rojas è stata nominata a capo della camera investigativa della Commissione etica mentre il greco Vassilos Skouris, un ex presidente della Corte europea di giustizia, è stato presentato come capo della camera giudicante.

La FIFA fa sapere che i candidati per un certo numero di comitati sono stati accuratamente scelti dopo una consultazione approfondita. “Sono esperti riconosciuti e di alto profilo nei rispettivi campi. Inoltre, riflettono meglio la diversità geografica e di genere che deve essere propria di un’organizzazione internazionale come la FIFA”, si legge in una dichiarazione di mercoledì.

Negli ultimi anni, la direzione della FIFA è stata collegata a corruzione e brogli, che hanno portato a numerosi arresti e indagini penali in Svizzera e negli Stati Uniti.

In marzo, l’istituzione con sede a Zurigo aveva annunciato di aver completato un’indagine interna di 22 mesi sulle accuse di corruzione ad alto livello e cattiva amministrazione, e di aver rimesso il rapporto alle autorità svizzere.

“La FIFA non fa bene alla Svizzera e alla nostra reputazione”, conclude Mark Pieth. “I legislatori svizzeri dovrebbero dire che se la FIFA vuole rimanere qui, deve soddisfare certi requisiti”.


Traduzione dall'inglese, Rino Scarcelli e Zeno Zoccatelli

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×