Navigation

Lagarde: siamo pazienti, no a stretta prematura

La Bce non chiude i rubinetti della liquidità. KEYSTONE/EPA/STEPHANIE LECOCQ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 luglio 2021 - 18:00
(Keystone-SDA)

La Banca centrale europea (Bce) sarà "paziente" , "nessuno di noi vuole una prematura stretta" della politica monetaria. Lo ha affermato la presidente Christine Lagarde al termine della riunione del consiglio direttivo.

Il consiglio ha lasciato invariati i tassi e "non ha discusso del futuro del Pepp", il Programma di acquisto per l'emergenza pandemica. "È previsto continui fino alla fine del marzo 2022" e, in ogni caso, fino a quando non si giudicherà conclusa la fase di crisi del coronavirus.

"La ripresa è in atto" grazie anche al progredire delle vaccinazioni, ma la variante delta del Covid continua a gettare ombre sull'evoluzione dell'economia. La crescita dell'inflazione è solo "temporanea", ha detto l'ex presidente del Fondo monetario internazionale. "Le previsioni a medio termine sono ancora al di sotto dell'obiettivo della Bce".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.