Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

La scienza non è democratica "Il vaccino non è un'opinione"

In Italia è stata trovata l'intesa per una legge nazionale che renda obbligatoria la vaccinazione per i bambini che iniziano le scuole dell'infanzia e dell'obbligo. Una risposta chiara che dovrebbe chiudere il "falso" dibattito scientifico sull'utilità o meno delle vaccinazioni. E tra i favorevoli, il virologo Roberto Burioni che con libri e post sulla rete spiega le vaccinazioni "a chi proprio non vuole capire".

Roberto Burioni, ordinario di Microbiologia e Virologia dell’Università Vita-Salute San Raffaele, ha riportato la discussione sui vaccini su un piano oggettivo: la scienza, gli piace ricordare, non è soggetta a discussioni come la politica. Non tutti hanno il diritto di parola. Chi non conosce il tema è meglio che taccia.

E lui, professore di microbiologia e virologia, è chiaro. Nel suo ultimo libro divulgativo "I vaccini non sono un'opinione", in sette punti chiarisce senza possibilità di smentita che i vaccini sono sicuri, efficaci, utili. I vaccini rinforzano il sitema immunitario, rendono la nostra comunità più forte. Soprattutto i vaccini non causano l'autismo o altre gravi malattie e non sono un complotto delle multinazionali del farmaco.

Come scrive Roberto Burioni, "la scienza ci dice che i vaccini sono sicuri e affidabili e proteggono l'intera società da pericolossissime malattie. Però se vi collegate a internet trovate un gran numero di medici e personaggi vari che dicono l'esatto contrario e che vi vogliono fregare".

Proprio per questo motivo, Burioni ha deciso di "sfidare" la rete, luogo delle facili bufale, e fare della divulgazione scientifica anche sui social media. Il suo posto di fine anno "la scienza non è democratica" è diventato ormai virale. Non solo. Secondo Burioni era tempo di occupare la rete anche con le verità scientifiche. E la risposta degli utenti è stata sorprendente. "Si vede che ce n'era bisogno...".

L'ordine dei medici

Tra i più attivi contro la somministrazione dei vaccini c'è il medico epidemologo Dario Miedico del Coordinamento del movimento italiano per la libertà di vaccinazione. Miedico, per le sue esternazioni è stato richiamato all'ordine proprio dall'Ordine dei medici lombardo. Miedico è stato infatti convocato oggi, venerdì, e dovrà spiegare la sua posizione critica verso i vaccini.

Miedico si è difeso nei giorni scorsi con una lunga lettera aperta, affermando che non è contrario alle vaccinazioni. Semplicemente, puntualizza, "sono critico rispetto alle modalità attuali con le quali vengono praticate le vaccinazioni, a cominciare dall'obbligatorietà di legge". 


subscription form

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.