Navigation

La difficile fuga da Mariupol

Il corridoio umanitario non ha potuto essere organizzato in sicurezza Copyright 2022 The Associated Press. All Rights Reserved

Fallita l'evacuazione della città: la Croce Rossa ha fatto sapere che ci riproverà sabato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2022 - 21:09
tvsvizzera.it/mrj

Nulla di fatto per l’evacuazione di Mariupol: il corridoio umanitario previsto per oggi non ha potuto essere organizzato senza intoppi e quindi solo 2'000 civili (dei 100'000 presenti) hanno potuto lasciare la città, assediata da settimane. Un altro tentativo sarà fatto domani, sabato, ha fatto sapere la Croce Rossa.

Contenuto esterno

Continuano intanto gli attacchi nella regione di Lugansk, mentre per la prima volta dall’inizio del conflitto l’Ucraina ha attaccato il territorio russo. Secondo l’agenzia Tass due elicotteri, volando a bassa quota, sarebbero entrati nello spazio aereo russo e avrebbero colpito un deposito di carburante nella regione di Begorod. Almeno otto dei 27 serbatoi di petrolio presenti sarebbero stati avvolti dalle fiamme. Due persone sarebbero rimaste ferite e alcune aree nei dintorni sarebbero state evacuate. Un attacco che il ministro degli esteri dell'Ucraina non ha voluto né confermare né smentire.

L’assedio continua anche in altre parti dell’Ucraina: il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha affermato che si sta combattendo a nord e ad est della capitale. Le truppe di Mosca, secondo lui, si ritirano da alcune aree intorno alla capitale solo per rafforzare la loro posizione in altre.

A Kiev inoltre è atteso l'arrivo della presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, che sarebbe così la prima leader dell'UE a recarsi in territorio ucraino dall'inizio del conflitto.

In Lituania si riaprono vecchie ferite

Il conflitto ucraino ha riaperto vecchie ferite in Lituania, la prima repubblica a dichiarare indipendenza dall’Unione sovietica e a essere invasa nel 1991. Nella capitale Vilnius molte persone hanno espresso empatia e solidarietà nei confronti del popolo ucraino. Sulle piazze si tengono tutti i giorni dei raduni e le attestazioni di solidarietà sono ovunque. 

Contenuto esterno

C'è però anche preoccupazione, in particolare tra i giovani, che in questi giorni, con l'avvicinarsi della fine dell'anno scolastico, sono chiamati a prendere decisioni sul loro futuro. Per aiutarli, a Vilnius è stata organizzata una sorta di expo professioni. Molto gettonata in questo momento è la scuola ufficiali, come pure l’esercito dei volontari. “Credo che ogni cittadino abbia il diritto di difendere il proprio Paese e io ci sto pensando perché credo che ci sia un grande rischio adesso”, ha spiegato uno dei giovani interessati a una carriera sotto l’arma. Un interesse confermato anche da uno degli organizzatori: “Quest’anno l’interesse è cresciuto davvero molto a causa dell’attuale situazione geopolitica”.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?