Navigation

Meglio il plurilinguismo o l'inglese lingua franca?

La perdita di terreno del francese nella Svizzera tedesca e dell'italiano ovunque al di fuori del proprio territorio è fonte di attriti sempre più frequenti nella Confederazione. Le minoranze sono frustrate e reclamano una vera politica attiva del plurilinguismo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 giugno 2012 - 11:00

Nelle scuole della maggioranza dei cantoni tedescofoni, il francese è stato relegato a seconda lingua straniera, dopo l'inglese. Ancora più strapazzato è l'italiano, che in Svizzera ormai è in caduta libera ovunque fuori dal proprio territorio. L'inglese è sempre più utilizzato nelle grandi società e nelle università svizzere.

Non sarebbe più realista adottare l'inglese come prima lingua straniera d'insegnamento nelle scuole di tutta la Svizzera e farlo così diventare lingua franca tra le varie regioni linguistiche del paese? Il plurilinguismo è veramente indispensabile per la coesione nazionale? O è piuttosto una forzatura che crea problemi invece di risolverli? Qual è, secondo voi, la via da seguire?

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?